I nostri Prodotti che possono essere installati in questa Regione




Consigli per l'interpretazione della legge regionale della Lombardia

La Lombardia all’avanguardia nella legislazione contro l’inquinamento luminoso.
La legge Regionale della Lombardia n. 17/00, la successiva delibera della giunta regionale n. 7/6162 e la legge regionale n.38/04 sono considerate tra le più avanzate al mondo e questo per alcune caratteristiche innovative rispetto ad altre norme operanti nel settore.
Innanzitutto la legge regionale riguarda tutto il territorio e non solo piccole zone attorno a delle particolari aree in vicinanza di osservatori o parchi naturali (fasce di rispetto). Questo perché essa mira a proteggere dall'inquinamento luminoso tutta la popolazione
Inoltre questa legge usa come parametro tecnico l'intensità luminosa degli apparecchi e non più il vecchio metodo del flusso disperso nell'emisfero superiore.

La legge Regionale della Lombardia n. 17/00, la successiva delibera della giunta regionale n.7/6162 e la legge regionale n.38/04
Queste norme si pongono come obiettivo principale la riduzione dell’inquinamento luminoso e dei consumi energetici e forniscono i seguenti criteri per l’illuminazione esterna.


Caratteristiche tecniche degli impianti
• Intensità luminosa massima per γ >= 90°, compresa fra 0 e 0,49 cd per 1000 lm.
• Utilizzo di lampade ad elevata tecnologia ed efficienza luminosa, quali sodio alta e bassa pressione. Nei soli casi ove risulti indispensabile un’elevata resa cromatica è consentito l’impiego di lampade a largo spettro, agli alogenuri metallici, a fluorescenza compatte e al sodio a luce bianca.
• Luminanza >= 1 cd/m2 per tutte le superfici illuminate , fatte salve le diverse disposizioni connesse alla sicurezza.
• Riduzione entro le ore 24:00 dell’emissione di luce in misura non inferiore al 30%, a condizione di non compromettere la sicurezza.
• Per gli impianti esistenti modifica dell’inclinazione degli apparecchi di illuminazione in modo tale che per γ >= 90° l’intensità luminosa non superi 0,49 cd per 1000 lm.
• Rapporto fra interdistanza ed altezza delle sorgenti luminose non inferiore a 3,7. Sono consentite soluzioni alternative solo in quanto funzionali alla certificata migliore efficienza generale dell’impianto.


Criteri aggiuntivi per impianti specifici
• Impianti Extraurbani – L’illuminazione di autostrade, tangenziali, circonvallazioni, ecc. deve essere garantita con l’impiego , preferibilmente di lampade al sodio bassa pressione (o alta pressione).
• Grandi aree – L’illuminazione di parcheggi, piazzali, piazze ed altre superfici similari deve essere garantita con l’impiego, preferibilmente, di lampade sodio ad alta o bassa pressione.
• Centri storici e vie commerciali – Evitare che il flusso luminoso sia intercettato significativamente dalla chioma degli alberi.
Criteri aggiuntivi per altri impianti specifici
• Impianti sportivi – Sono ammesse lampade a ioduri metallici ove esista la necessità di elevata resa cromatica, utilizzo di proiettori asimmetrici per gli impianti di grande dimensione; ove siano previste riprese televisive è possibile affiancare fasci concentranti. Sistemi di variazione della luminanza in relazione alle attività/avvenimenti (allenamento, gare ecc.).
• L’illuminazione di edifici e monumenti deve essere di tipo radente dall’alto verso il basso; solo nei casi di comprovata inapplicabilità del metodo ed esclusivamente per manufatti di comprovato valore artistico, architettonico e storico, sono ammesse altre forme di illuminazione purchè i fasci di luce rimangano entro il perimetro delle stesse, l’illuminamento non superi i 15 lux, l’emissione massima al di fuori della sagoma da illuminare non superi i 5 lux e gli apparecchi vengano spenti entro le ore 24:00.
• Per le insegne dotate di illuminazione propria, il flusso totale emesso non deve superare i 4500 lm.


Criteri aggiuntivi per le fasce di rispetto
• I nuovi impianti devono essere dotati di sole lampade al sodio ad alta o bassa pressione; in caso di materiale impossibilità di lampade con analoga efficienza e di regolatori di flusso.
• Gli apparecchi altamente inquinanti come globi, globi con alette schermanti, sistemi a luce indiretta, lanterne o similari esistenti, devono avere per γ >= 90°, intensità luminosa >= 15 cd per 1000 lm.
• Gli impianti esistenti, pur mantenendo i livelli minimi di sicurezza, se previsti, possono in luogo dell’impiego di variatori di flusso, essere parzializzati al 50% entro le ore 23:00 nel periodo di ora solare ed entro le ore 24:00 nel periodo di ora legale.


Deroghe
• Tutte le sorgenti luminose internalizzate.
• Impianti realizzati con un massimo di 3 centri luminosi aventi sorgenti con emissione massima di 1500 lm cadauna.
• Impianti realizzati con più di 3 centri luminosi aventi sorgenti con emissione massima di 1500 lm cadauna e flusso totale emesso da tutti i centri luminosi inferiore a 2250 lm per γ >= 90°.
• Le sorgenti di luce di uso temporaneo o che vengano spente entro le ore 20:00 nel periodo di ora solare ed entro le ore 22:00 nel periodo di ora legale.
• Impianti sportivi – In impianti sportivi con oltre 5000 posti a sedere è concessa un’intensità luminosa massima > 0,49 cd per 1000 lm per γ >= 90° a condizione che vengano spenti entro le ore 24:00.

 


Consulta la Legge Regionale 27 Marzo 2000 - N. 17

Consulta le regole di attuazione della legge PDF


Termini e condizioni di utilizzo -  Privacy Policy -  Credits