Sistema di Telecontrollo e Telegestione



Il sistema di telecontrollo e telegestione è un sistema all'avanguardia in grado di controllare la rete di pubblica illuminazione sino al singolo punto luminoso, senza alterare l'impianto esistente.

 

Questo sistema consente ad un solo operatore di effettuare ciò che in sua assenza richiederebbe un oneroso impiego di uomini e mezzi; rende inoltre possibile realizzare notevoli economie sul fronte dei costi energetici e di manutenzione, garantendo contemporaneamente alti livelli d'affidabilità, continuità e qualità del servizio.

 

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI:


• Si applica all'impianto già esistente;
• Effettua la diagnosi, controllo e gestione da remoto;
• Gestisce il singolo punto luce;
• Consente risparmi energetici e di manutenzione (oltre 35%);
• Contiene l'inquinamento luminoso e ambientale;
• Prolunga la vita media degli impianti d'illuminazione
• Migliora il servizio e la qualità dell'illuminazione pubblica
• Costo ammortizzabile in breve tempo;

 

 

TELEDIAGNOSI E TELEGESTIONE FINO AL SINGOLO PUNTO LUCE:


Il controllo del funzionamento della singola lampada rappresenta una funzione totalmente innovativa, soprattutto perché con il semplice collegamento del dispositivo elettronico in serie alla linea di alimentazione è possibile eseguire il controllo lampada rilevando le condizioni di funzionamento:


• lampada accesa / spenta da comando;
• lampada funzionante a piena potenza;
• lampada funzionante a potenza ridotta in seguito a comando;
• condensatore guasto (o rifasamento insufficiente);
• lampada in esaurimento (lampeggiante);
• lampada in corto circuito;
• fusibile guasto;
• assenza corrente (circuito lampada non collegato);


Il dispositivo elettronico è compatibile con qualsiasi lampada (tipo, potenza e marca) esistente sul mercato e può essere installato indifferentemente nel pozzetto, nell'asola del palo o all'interno del corpo illuminante.

 

 

COMUNICAZIONE AD ONDE CONVOGLIATE:


L'applicazione della comunicazione ad onde convogliate elimina la necessità di cablaggi aggiuntivi e presenta la flessibilità di attuare comandi in modo dinamico, in zone diverse e in orari diversi (modificabili in ogni momento a seconda delle necessità), per la parzializzazione degli impianti (spegnimento selettivo di singoli punti luminosi) e/o la riduzione del flusso luminoso dei medesimi.

 

La parzializzazione degli impianti e/o la riduzione del flusso luminoso rispondono all'esigenza di razionalizzare la risorsa energetica in quegli orari e/o periodi in cui l'afflusso di persone e veicoli è ridotto creando benefici economici ed ambientali.

 


Più precisamente la tecnica di trasmissione ad onde convogliate consente di:


• ricevere da ciascun punto luminoso le informazioni sulle proprie condizioni di stato (acceso/spento) e/o di malfunzionamento;
• inviare a ciascun punto luminoso istruzioni per comandi di accensione/spegnimento;
• inviare a ciascun punto luminoso istruzioni per comandi di funzionamento a piena potenza/potenza ridotta (per lampade dotate di alimentatori di potenza);
• inviare a ciascun punto luminoso istruzioni per la regolazione graduale (dimmeraggio) del flusso luminoso (per lampade dotate di alimentatori elettronici dimmerabili);

• Risparmi economici ed energetici;

 

 

RISPARMI e BENEFICI:


L'utilizzo programmato e continuo mediante telediagnosi consente importanti risparmi di gestione ed energetici migliorando la qualità del servizio reso al cittadino. I principali fattori che consentono di risparmiare il 25% dei costi energetici rispetto alla gestione tradizionale sono:


- la razionalizzazione dell'uso delle lampade mediante parzializzazioni (spegnimenti e riduzione di flusso mirati)
- l'ottimizzazione dei cicli di funzionamento
- la riduzione delle accensioni diurne per ricerca guasti
- la riduzione dispersioni di linea per basso fattore di potenza (lampade non correttamente rifasate)
- la riduzione del flusso luminoso delle lampade.

 


Risparmi sui Costi di Manutenzione


Con la telegestione è possibile:


- risparmiare sui costi del personale, grazie all'ottimizzazione dei tempi d'intervento.
- risparmiare sui materiali, grazie al controllo mirato degli elementi effettivamente guasti.
- ottimizzare la gestione del magazzino e degli automezzi.
- eliminare gli inutili costi dovuti alla ricerca dei guasti.
- risparmiare i costi sull'organizzazione generale del servizio.

 


La Sicurezza


Il sistema di telegestione Ë stato concepito in modo da rispondere efficacemente a tutte le esigenze di sicurezza e adattabilità della realtà tecnica degli impianti:


- tutti i moduli di controllo lampada e controllo armadio sono costruiti in doppio isolamento.
- i moduli del sistema garantiscono totale compatibilità con gli impianti già installati (armadi, lampade e loro accessori).
- qualsiasi avaria o manomissione dei componenti, non altera il funzionamento dell'impianto che continua a funzionare regolarmente.

 

 

ARCHITETTURA SISTEMA:


Il sistema consente consente in modo personalizzato, secondo le esigenze del singolo gestore, la telediagnosi, il telecontrollo e la telegestione da uno o più pc remoti, di tutti i componenti che costituiscono l'insieme di un impianto d'illuminazione pubblica già esistente o di nuova realizzazione.

 

Semplice da usare e da installare, il sistema di telediagnosi è composto da piccoli dispositivi hardware più un software di gestione e comunicazione.

 

 



Sistema Bipotenza


Il sistema in oggetto si colloca nel settore dell'illuminazione di servizio per ambienti principalmente pubblici, come strade, incroci, parchi.

 

In tale contesto è presente l'esigenza di poter ridurre la potenza con cui si alimenta la lampada nelle ore notturne, al fine di ottenere un risparmio energetico.


Soprattutto nei casi di illuminazione stradale è utile ottenere un risparmio energetico ad un orario prestabilito, in relazione ad esempio all'intensità di traffico e alle conseguenti esigenze di sicurezza.

 

L'uniformità dell'orario di commutazione è una caratteristica necessaria per evitare condizioni di illuminazione disomogenea.

 

La riduzione di potenza è possibile utilizzando variatori di tensione abbinati ad apparecchi cablati con componenti convenzionali, oppure, con componentistica appropriata, rendendo automatico il passaggio dalla potenza nominale a quella ridotta, come descritta in seguito.

 

Le varianti di cablaggio dell'apparecchio d'illuminazione prevedono la sostituzione dell'alimentatore con modello a due selezioni (Bipower) e relativo commutatore di selezione.

 

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI:


L'utilizzo del "BIPOTENZA" determina:


• Diminuzione della potenza assorbita del 40/45%, durante il funzionamento a potenza ridotta;
• Riduzione della manutenzione ordinaria: incremento della vita media delle lampade;
• Riduzione dei combustibili necessari per la produzione di energia elettrica.

 

 

Caratteristiche tecniche SISTEMA BIPOTENZA:

 

Il "SISTEMA BIPOTENZA" è realizzato con un reattore con presa, formato dall'impedenza nominale e quella maggiorata che consente la diminuzione della corrente di lampada, del flusso emesso e della potenza assorbita. Il passaggio dalla piena potenza a quella ridotta viene garantito da un dispositivo di commutazione elettronico.

 

Il "SISTEMA BIPOTENZA" non può essere utilizzato con le lampade agli alogenuri metallici e si consiglia l'accensione/riaccensione delle lampade in condizioni di potenza nominale.

 

Il dispositivo elettronico richiede un filo pilota aggiuntivo alla linea di alimentazione: in questo modo, per mezzo di un Timer centralizzato, è possibile programmare la commutazione di potenza ad orari prestabiliti.

 


Clicca QUI per le schede tecniche dei Sistemi Bipotenza

Introduzione

L'estensione geografica degli impianti di illuminazione pubblica rende difficile poter garantire adeguati livelli d'efficienza, qualità, affidabilità e di risparmio energetico del servizio mediante il ricorso a strumenti tradizionali.

 

Gli impianti sono infatti caratterizzati da una grande quantità di punti nevralgici sparsi su tutto il territorio per i quali è necessario controllare costantemente il funzionamento ed effettuare la gestione.

 

Nelle aree urbane gli impianti di illuminazione pubblica hanno una grande estensione ed una diffusione capillare, un numero elevato di quadri elettrici d'alimentazione e soprattutto di punti luminosi.

 

È quindi problematico e dispendioso, effettuare tempestivamente la localizzazione dei mal funzionamenti dei vari componenti, individuare la causa e la rimozione del guasto, attuare una gestione oculata e puntuale dell'impianto e controllare il flusso luminoso di ogni singola apparecchiatura. Tutto ciò comporta altissimi costi in termini di tempo e sopratutto di denaro.



I Sistemi di Gestione dell'Illuminazione Stradale