Illuminazione a Led, meno spese e meno emissioni di CO2


La sostituzione delle attuali tecnologie con le soluzioni di illuminazione a Led produrrebbe immediati vantaggi economici e una drastica riduzione delle emissioni globali di CO2. 

 

L'illuminazione a Led può generare un risparmio energetico dell'85% rispetto alle soluzioni tradizionali e può quindi offrire una soluzione immediata ai problemi energetici globali.

 

Questa è la conclusione presentata a RIO+20, la Conferenza Globale delle Nazioni Unite sui temi sostenibili, attraverso lo studio "Lighting the Clean Revolution".



Un risparmio semplice, nel caso non l' aveste notato nell' introduzione...




Qualche Dato


 

In Italia l’illuminazione assorbe il 17% dei consumi totali di energia elettrica da confrontarsi con il 14% circa a livello europeo.
(Fonte: Commissione Europea http://ec.europa.eu/energy/atlas/html/lightdintro.html)


 

 

2650 TWh
Energia consumata per l’illuminazione nel mondo in un anno

 

19%
Del consumo totale di elettricità

 

80%
Entro il 2030
Crescita della domanda di energia per illuminazione

 

38%
Possibile riduzione dei consumi utilizzando le tecnologie attualmente esistenti

 

Fonte: Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA), 2005

 

 

 



Alcuni Consigli Pratici


• Il lampadario centrale per l’illuminazione generale delle stanze non è una soluzione vantaggiosa in termini energetici, soprattutto quando questo è provvisto di molte luci: Una lampada ad incandescenza da 100 watt fornisce la stessa illuminazione di 6 lampadine da 25 watt, ma queste ultime consumano il 50% in più di energia elettrica.

 

• Dovendo scegliere un lampadario centrale è meglio utilizzarne uno con una luce sola, oppure, nel caso di un interruttore doppio si può installarne uno a due luci, una di potenza debole e una di potenza maggiore.

 

• L’illuminazione con lampada da terra o da parete, è migliore perché non crea zone d’ombra e dà una luce diffusa; si possono utilizzare apparecchi a luce diffusa tipo abatjour oppure apparecchi con lampade alogene.

 

• Per illuminare sculture, quadri, particolari oggetti, l’illuminazione più idonea è quella data dai faretti che creano un fascio di luce diretta.

 

• Nella zona pranzo è meglio utilizzare una luce sospesa concentrata sul tavolo oppure una lampada da terra, con braccio curvo, che illumini il tavolo.


• Per le scrivanie sono da preferire le lampade da tavolo con braccio orientabile.

 

• Nei bagni sono sufficienti plafoniere a soffitto o faretti ad accensione separata, vicino allo specchio.

 

• Appliques e plafoniere sono una valida soluzione anche per i corridoi e per tutti gli ambienti di transito che non richiedono una forte illuminazione.

 

• In cucina, oltre all’illuminazione generale, occorre prevedere luci sotto i pensili, sui piani di lavoro e sul piano di cottura da utilizzare solo dove e quando servono.

 



I Consumi, chi più spende meno spende


Ad un maggior costo iniziale per un determinato tipo di lampada, può corrispondere un minor costo di gestione, dovuto a minori consumi e a una vita più lunga.

Pertanto dobbiamo parlare, più che di consumi, di efficienza, cioè di quanta luce fornisce una lampada per ogni watt assorbito.

 

 

Una lampada fluorescente ha un’efficienza maggiore rispetto ad una ad incandescenza. Anche la durata è maggiore e questo cambia molto la spesa annua per l'illuminazione a seconda delle lampade utilizzate.

 

Questo significa che a un costo iniziale modesto per l’acquisto della lampadina, può corrispondere una spesa elevata per il suo utilizzo.

 

Gli elementi da considerare per calcolare i costi reali dell’illuminazione sono:

 

- Efficienza
- Consumi
- Durata delle lampadine.

 

In ogni caso, sostituire le lampade ad incandescenza risulta vantaggioso: l’investimento dovuto all’acquisto delle nuove lampade si recupera in tempi brevi.

 

Anche a livello condominiale si può risparmiare energia elettrica. Scale, cantine, garage sono locali dove la luce rimane accesa per lungo tempo: conviene utilizzare lampade fluorescenti, oppure installare un interruttore a tempo che spegne la luce dopo un certo periodo. Il costo è molto contenuto ed il risparmio che ne deriva molto elevato.

 



Termini e condizioni di utilizzo -  Privacy Policy -  Credits